19 giugno 2016

Creare un'armonia. IL "ritorno all'ordine" nell'estetica di GINO SEVERINI. Di Beniamino Vizzini

Creare un'armonia
Il "ritorno all'ordine" nell'estetica di 
GINO SEVERINI

19 Giugno 2016

GINO SEVERINI (Cortona 1883 - Parigi 1966)
"Natura morta con ruderi, piccione e statua", 1931, tempera su cartoncino

La mostra "SEVERINI. L'Emozione e la regola", a cura di Daniela Fonti e Stefano Roffi, 
si tiene alla Fondazione Magnani Rocca, Mamiano di Traversetolo - Parma  
dal 19 marzo al 3 luglio 2016 www.magnanirocca.it

La catastrofe dell’arte moderna e contemporanea coincide con la scomparsa di ciò che ho voluto chiamare, la sua utopia; il momento, nell’opera d’arte, per cui essa trascende la realtà (vedi l’editoriale del 21° cahier di Tracce Cahiers d’Art). 

Da attività creatrice, mossa dalla pulsione espressiva in antitesi dialettica con la pretesa obiettività del dato reale, l’arte, che si estrinsecava nella dimensione dell’opera grazie alla virtù della padronanza nell’uso dei mezzi tecnici del dipingere o dello scolpire, diviene ora nient’altro che un semplice organo della comunicazione. Integralmente ridotta alla sfera della socializzazione comunicativa, l’opera d’arte appare unicamente quale mera semiosi perdendo così anche, solo, la memoria di ciò che ne rendeva enigmatica e misteriosa la pura, nuda, silenziosa presenza o, parousia aesthetica, in cui, tuttavia, consisteva la sua irresistibile e imperiosa attrattiva sulla coscienza del riguardante.

Nella misura relativa alla sua autonomia l’arte rivela d’essere il dominio dell’immaginazione dove le forme sensibili del reale empirico acquistano un’altra natura, quella che nasce dalla messa in opera di un principio creativo e dialettico della libertà, come spontaneo, incondizionato, impulso all’espressione che si esplica nella determinatezza, appunto, di una forma costruita e composta con gli strumenti dell’operare artistico. La creazione spontanea si converte in opera d’arte ponendo così, le condizioni per creare, al suo interno, un’armonia ovvero, un ordine in cui tutte le sue parti, senza coercizione alcuna, si ricompongono insieme in unità dalla quale promana l’aura, o lo splendore, della sua medesima astanza.

7 giugno 2016

L.H.O.O.Q. di Marcel Duchamp al Museo d'Arte di Ascona, Svizzera. Di Beniamino Vizzini

L.H.O.O.Q. di Marcel Duchamp

di Beniamino Vizzini
7 Giugno 2016

MARCEL DUCHAMP "L.H.O.O.Q.", 1919 / '64
Staatliches Museum Schwerin / Ludwigslust / Güstrow
Succesion Marcel Duchamp 2015, ProLitteris, Zurich

L.H.O.O.Q. è un ready-made rettificato realizzato nel 1919 dall’artista dadaista Marcel Duchamp. L’opera resta visibile al pubblico fino al 26 giugno 2016 nell’esposizione Marcel Duchamp Dada e Neodada presso il Museo Comunale d’Arte Moderna di Ascona (Svizzera) www.museoascona.ch organizzata in collaborazione con lo Staatliches Museum di Scwerin (Germania) e, che rientra nel novero delle celebrazioni svizzere per il 100° anniversario dalla nascita del movimento Dada, fondato a Zurigo nel 1916.

Si tratta d’una riproduzione fotografica della Gioconda (o Monna Lisa) di Leonardo da Vinci alla quale sono stati aggiunti provocatoriamente dei baffi e un pizzetto. Il titolo L.H.O.O.Q. è composto da cinque lettere che pronunciate in lingua francese danno origine alla frase “Elle a chaud au cul” (Lei ha caldo al culo – Lei è eccitata). Esiste anche una versione del 1965 nella quale appare la Gioconda senza baffi e la scritta in francese, Rasée L.H.O.O.Q. 

Fin troppo evidente l’intenzionalità derisoria e trasgressiva del gesto di Duchamp che sovrappone un segno di chiaro significato contestativo ad un’immagine-culto, tale che ha finito per monopolizzare la rappresentazione universale dell’Arte del Rinascimento secondo le modalità più insignificanti e banali della mimesi raffigurativa. Marcel Duchamp ha dichiarato: “La Gioconda è così universalmente nota e ammirata da tutti che sono stato molto tentato di utilizzarla per dare scandalo. Ho cercato di rendere quei baffi davvero artistici”.